Paolo Iacchetti è nato nel 1953 a MilanoLaureato in Chimica, solo successivamente si iscrive all’Accademia di Brera per  diplomarsi in pittura. Dagli studi scientifici eredita la disciplina, intesa sia come applicazione metodica, quotidiana al lavoro, sia come selezione accurata degli obbiettivi da raggiungere. La pittura per lui si fa con il corpo, con la mano, con gesti che accordano l’elemento razionale con il sentimento, l’emozione, l’esistenza.
Il soggetto unico della sua opera è perciò la Pittura stessa, ossia una indagine continua sulle qualità del colore in rapporto con la tela. Il suo vero obbiettivo è dedicarsi alla costruzione di un oggetto, il quadro, che quando è finito acquisisce una vita autonoma, continua cioè a dare risposte, percezioni diverse all’osservatore.
Lui non fa mistero del fatto che intende il quadro come un essere vivente, anzi proprio come una persona. E come una persona il quadro deve presentarsi tutto subito.
I suoi quadri necessitano di una osservazione paziente, facendo abituare l’occhio alle minime, infinite variazioni di colore. Ma questa pazienza è ampiamente ripagata con una sensazione di profondità, quasi una terza dimensione che ci attrae e ci assorbe all’interno del quadro.
Nei suoi confronti proviamo gratitudine per averci regalato un’esperienza ricca di fascino, un’avventura nel mondo dei colori dove Iacchetti, da vero esploratore, ha aperto la sua personalissima strada.

TI PIACE QUESTO ARTISTA? SCRIVICI!

 

Categories: Artisti