Andrea Zucchi, The Endurance, Olio su tela

Andrea Zucchi, The Endurance

Olio su tela

Andrea Zucchi, Combinatoria Horus, Olio su tela, 140x70, 2002

Andrea Zucchi, Combinatoria Horus

Olio su tela, 140 x 70, 2002

Andrea Zucchi, Concerto di geishe (da Adolfo Farsari), biro su carta, 42,5x53, 2011

Andrea Zucchi, Concerto di geishe (da Adolfo Farsari)

Biro su carta, 42,5 x 53, 2011

Per info sulle opere:





Acconsento al trattamento dei miei dati personali in conformità al D.Lgs 196/2003.
Leggi la Privacy Policy.

Accetto

Andrea Zucchi: l'artista

 

Arte metafisica

Andrea Zucchi è nato a Milano nel 1964. I suoi punti di riferimento iniziali sono De Chirico e Bacon, anche se il fascino che proviene dai classici è per lui irresistibile. In parallelo, conduce una ricerca intellettuale che lo porta ad approfondire i classici del misticismo mondiale. Frutto di queste prime influenze è la prima mostra. Si tratta di dipinti largamente debitori nei confronti della metafisica e del realismo magico degli anni Trenta, dipinti la cui lettura più appropriata sarebbe probabilmente di tipo psicanalitico. In superficie compare una serie di linee che, da una parte forma uno schermo fra lo spettatore e il dipinto, dall’altra sembra unire alcuni punti misteriosi all’interno dell’opera.

Neoplasticismo, arte e sinestesia

Nella serie successiva, le “Contaminazioni neoplastiche”, è proprio questa idea dello schermo a diventare protagonista. Su immagini perlopiù riferite a scene naturali, in cui la presenza dell’uomo è nulla, sono proiettate delle sequenze di rettangoli e quadrati. Il termine “Neoplastiche” si riferisce al movimento di inizio novecento “De stijl”, chiamato anche neoplasticismo. I principali protagonisti di questo movimento, Van Doesburg e Mondrian cercavano nelle loro opere di riflettere l’ordine nascosto, il rigore e l’armonia che regnano nell’universo. Non è un caso che entrambi fossero appassionati di teosofia, una teoria allora molto diffusa. Con la serie di dipinti successiva, chiamata “Combinatoria”, Zucchi vuole esprimere il mistero che nasce accostando immagini provenienti da mondi concettuali differenti. All’interno di uno schema che sembra tratto da un dipinto di Peter Halley, vengono inserite, ad esempio, la maschera di Tutankamon, un paesaggio artico e due tecnici con scafandro antiradiazioni. Questi quadri non vogliono dimostrare alcun tipo di verità razionale, quanto piuttosto invitarci a trovare le affinità, di forma e di colore, che in qualche modo legano le immagini presentate. Se vogliamo, il pittore ci propone quelle che Baudelaire chiamava le “Correspondences”, misteriosi legami esistenti fra suggestioni appartenenti a sfere sensoriali diverse, un fenomeno chiamato sinestesia. Una svolta importante arriva con il ciclo “Spaesamenti”. Si tratta di dipinti in cui non vi è più traccia di elementi aggiunti all’immagine, né linee né forme geometriche. Le immagini costruite da Zucchi sono plausibili, non vi è un richiamo alla surrealtà. Ma quello che rende questi quadri memorabili è la loro potenza, dovuta non solo al forte contrasto fra le figure proposte, ma soprattutto ad un uso del colore e a un dominio della composizione che si sono fatti decisamente più consapevoli.

Dipinti da contemplare

Il dipinto di Zucchi perciò sembra accumulare suggestioni dall’effetto quasi vertiginoso. L’artista però sembra suggerirci, ad un certo punto, di smetterla di analizzare il dipinto, e di lasciarci andare ad una contemplazione dove alla fine ogni cosa trova la giusta collocazione. Questa è dunque un’opera importante nella produzione di Andrea Zucchi, fra i più complessi e raffinati protagonisti della pittura italiana contemporanea.