Franco Mazzucchelli nasce a Milano nel 1939 e si diploma in scultura all’Accademia di Brera. La sua opera di artista è e rimane sempre quella di uno scultore, anche se di un tipo un po’ particolare, che ha scelto di modellare l’aria. I suoi lavori fanno parte di performances  rese possibili dall’invenzione dei nuovi materiali, in particolare il polivinilcloruro, il pvc, leggero, gonfiabile e modellabile a piacere.  Nel corso degli anni Mazzucchelli dà vita a lavori enormi altissime sculture d’aria, fino a trenta, quaranta metri, a forme geometriche come la spirale e il cubo, oppure ancora immensi tubi dentro cui poter camminare e giocare. Il fatto di occupare questi spazi, contiene in realtà una domanda molto seria: per chi realizza opere d’arte, l’artista del XX secolo? Chi ne è il fruitore?  La risposta di Franco Mazzucchelli è che l’artista ha una funzione sociale e deve scendere in strada per rivolgersi alla gente normale.  Alla fine Mazzucchelli ha sentito l’esigenza di divertirsi a fare il pittore, ossia di lavorare anche con i colori, con i materiali, e di realizzare dei quadri che si possono appendere.  I suoi, sono, ovviamente, quadri gonfiabili, ed essendo realizzati da uno scultore sarebbero forse da intendersi come bassorilievi.  Con questo intento Mazzucchelli realizza opere modellate con segni geometrici, perlopiù linee curve, morbide. Lavora anche con i colori, con i riflessi, con la trasparenza, arrivando ad inserire nel pvc anche altri materiali, come la foglia d’oro. L’opera di Franco Mazzucchelli è ricca di implicazioni concettuali e densa di riferimenti culturali, sempre però risolta con leggerezza. La leggerezza dell’aria.


TI PIACE QUESTO ARTISTA? CONTATTACI!