Nato a Monza nel 1921 Roberto Crippa è una delle figure centrali dell’astrazione italiana del secondo dopoguerra. Numerose sono le edizioni della Biennale di Venezia a cui ha partecipato. Di rilievo anche la sua presenza nel mercato statunitense, grazie al lavoro di divulgazione della galleria Alexander Jolas. Il momento centrale della sua vita di artista è sicuramente l’adesione allo Spazialismo, di cui firma il “Manifesto tecnico” nel 1951.Il soggetto che ha caratterizzato la sua opera furono le Spirali, ispirate alla struttura dell’atomo, al moto degli astri, al volo orbitale attorno alla terra; ma anche al fatto che lui fu un bravissimo pilota di volo acrobatico, attività che per lui era tanto importante quanto la pittura. Non dobbiamo però dimenticare che Crippa fu un grande sperimentatore che ha cambiato tantissimo nel corso del tempo, passando dai totem – sia in pittura che in scultura – ai sugheri, ai paesaggi, alle amiantiti. Proprio il volo acrobatico è la causa del suo tragico decesso avvenuto presso il campo di volo di Bresso nel 1972.


TI PIACE QUESTO ARTISTA? CONTATTACI!

Categories: Artisti